Categories: News, Ricette, Video

CATozzola

Share

La Bologna Cooking School, la sola e unica “Bologna Cooking School” registrata con questo nome nel 2005 da Carlo Alberto – Big Carlo, è stata scelta dalla troupe fotografica di Iana Ianakieva per rappresentare Bologna, con i suoi Tortellini, in una rassegna delle eccellenze del Food Italiano per conto dell’hotel di lusso Shangri-La Hotel Abu Dhabi, per promuovere il ristorante italiano Afya dentro l’albergo.

Bella soddisfazione, ma subito la prima difficoltà: la richiesta tassativa era di fare i Tortellini senza Il Prosciutto, la Mortadella e il Lombo di Maiale.

Poiché i tentativi di convincerli a fare, in alternativa, le Tagliatelle al Ragù, non hanno avuto successo, accetto la richiesta di fare i Tortellini senza il Prosciutto, senza la Mortadellae senza il Lombo di Maiale

Una bella sfida

Alla Bologna Cooking School siamo abituati ad utilizzare e proporre solo ingredienti eccezionali proprio per fare conoscere ed apprezzare il vero sapore dei Tortellini.

Il difficile era quindi riuscire, comunque, a fare un ripieno saporito che valesse la pena di essere replicato.

Dopo vari studi e prove abbiamo scelto di sostituire la Mortadella, il Prosciutto e il Lombo di mailale con il Petto di pollo ed il Petto di tacchino cotti con delle erbe aromatiche.

Alla fine eravamo impazienti di assaggiarli per vedere com’erano venuti.

Sarà per la carne speciale di Giancarlo della Macelleria della Pioggia, sarà per il nostro brodo super, sarà per la sfoglia tirata magistralmente a mano, sarà per il ripieno con la carne insaporita con le erbe e con il Parmigiano Reggiano di collina 36 mesi di Franco della Salumeria di via Oberdan, sarà per la piacevole compagnia di Iana e Marco e il risultato é stato piu che buono.

Naturalmente quelli che facciamo normalmente con il Prosciutto di Parma, con la Mortadella Bologna e con il Lombo di maiale sono incomparabili.

E’ comunque una buona variante che può fare apprezzare il piatto principe della cucina bolognese da un pubblico molto più vasto.

Carlo Alberto “BigCarlo”